..

Margherita Hack: "A quei medici che dicono che un bambino non può crescere senza carne, dico che io non ho MAI mangiato carne, perché quando sono nata i miei genitori erano già vegetariani. Eppure sono stata campione di salto in alto e lungo, e ora a 79 anni faccio 100 km in bicicletta, gioco a pallavolo e non ho mai avuto malattie serie". (Dichiarazione di Margherita Hack del febbraio 2001)

mercoledì 25 novembre 2009

unico allenamento di velocita'


Un allenamento che facevo in preparazione della maratona,seguendo indicazioni tratte dal libro di Luca Speciani e che ora ,in preparazione delle ultra,viene variato in 24+24 x500.

Il tratto veloce corso al ritmo della maratona e quello lento il 10% in meno.



L'immagine in alto mostra quello eseguito l'11 novembre;le due linee verdi creano la fascia del mio lento.Si puo' notare che solo le prime ripetute ,esattamente 5,sono fatte bene,le altre stanno troppo sopra la fascia e l'allenamento non ha l'effetto desiderato dove solo le parti veloci devono superare la fascia creando una piccola spinta alla soglia aerobica.

Oggi l'allenamento e' riuscito meglio,mantenendo la stessa velocita' di 4'30" nel tratto veloce e 5' in quello lento,come la volta scorsa,ma col cuore che finalmente tornava sotto la fascia in sona di lento e quindi a bassissimo consumo di carboidrati.Tale fascia e' quella che tengo il piu' possibile quando mi alleno.
Evidentemente i risultati ci sono,piu' recupero,maggiore consumo di grassi a parita' di velocita',minore stanchezza a termine esercizio pur allenandomi tutti i giorni.
I picchi sopra la linea verde superiore sono spunti di velocita' senza andare in acido lattico,sempre in soglia aerobica,ma verso i suoi limiti.Stesso principio quindi dell'allenamento per aumentare la soglia anaerobica,quindi per gare piu' brevi fino alla maratona.
Comunque questo genere di allenamento sara' saltuario,piu' adatto a atleti piu' evoluti,che hanno gia' molta esperienza in fatto di ultra e quindi muscoli e tendini bene adattati,l'ottimale e' aumentare la velocita' sempre tenendo sotto controllo uscita e rientro della fascia allenante;quello che mi importa e' riuscire a finire una ultra(magari la 100),ormai ho iniziato e se non sara' per il Passatore quest'anno,lo sara' quando saro' pronto e avendo fatto varie gare di adattamento sempre piu' lunghe.
Domenica prossima saro' a Firenze,maratona che penso di farla a 5' al km.


2 commenti:

Alvin ha detto...

ti seguo ti seguo eh... io sto seguendouna tabella per la maratona di Speciani tratta dal suo sito...vedremo!

Stefano Grandi ha detto...

Grande Alvin!
Che tempo vuoi fare nella prossima maratona?