..

Margherita Hack: "A quei medici che dicono che un bambino non può crescere senza carne, dico che io non ho MAI mangiato carne, perché quando sono nata i miei genitori erano già vegetariani. Eppure sono stata campione di salto in alto e lungo, e ora a 79 anni faccio 100 km in bicicletta, gioco a pallavolo e non ho mai avuto malattie serie". (Dichiarazione di Margherita Hack del febbraio 2001)

lunedì 4 agosto 2008

lip 300 (30 x 400 )


Il caldo di oggi per me e' stato piu' forte di tutto questo periodo,forse anche perche' l'allenamento l'ho fatto in pista,dove ,al contrario del mio solito posto con alternanza di zone d'ombra,li manco un alberello minusculo.Poi correre in pista mi da' l'idea di essere piu lento,sembra di fare piu' fatica.
Il LIP 300 che avevo accennato ieri e' un ottimo allenamento per abituare la testa al Ritmo Maratona:si corre 300 metri al R.M. con il tratto finale di 100 metri a un ritmo piu' veloce,simile al ritmo di gara 10-12 km-
Ho cercato di tenere nei 300 metri i 4'30" e nei 100 metri i 4'.
Questa continua altalena di progressioni la si fa' per 30 volte per un totale di 12 km.
Quando si finisce il tratto veloce e si riprende il R.M. sembra di fare un recupero,almeno con la testa.
E' risultata una media finale di 4'23"con battito medio di 161.

6 commenti:

GIAN CARLO ha detto...

Fai dei lavori super massacranti mentalmente. In realtà a vedere i ritmi non ti uccidi, credo che ti stai preparando alla...Grandi !!!

Anna LA MARATONETA ha detto...

bello, questo lavoro...Anche a me la pista uccide, per di più sotto al sole...Stai attento all'anemia, anche tu!

Andreadicorsa ha detto...

Ciao Stefano, complimenti per il blog le tue prestazioni e i tuoi allenamenti. Riguardo questi ultimi se ti può essere d'interesse ai fini di migliorare al massimo la resistenza per la maratone potresti svolgere anche delle sedute di ripetute simili a quelle che hai fatto sui 400 con recuperi veloci però allungandole a 1000, 2000, 3000 e anche 4-5000, correndo a ritmo piu' veloce di quello della maratona di un 5-8%, con recuperi attivi da 1000 metri a ritmo piu' lento di circa 5-8% sempre rispetto al Rma (quindi sempre sostenuto). Io non faccio quasi mai ripetute con recupero da fermo o recupero lento, sono convinto che recuperare tenendo una buona andatura mi aiuti a simulare il piu' possibile lo sforzo della maratona quando si inizia ad entrare in difficolta' ma non si puo' calare il ritmo e si deve resistere. Non so se l'hai mai fatto, è molto impegnativo ma da i suoi frutti. Ai fini maratona meglio una ripetuta leggermente piu' lenta con recupero piu' veloce piuttosto che una ripetuta sparata con recupero lento, almeno io la penso cosi'.
Ciao

Stefano Grandi ha detto...

Eheh!Andrea...
Innanzi tutto ciao e grazie per avermi visitato.Quello che dici riguardo alle ripetute sono pienamente daccordo e sono contento che altri maratoneti la pensino come me.Ho eliminato le ripetute superveloci che spesso molti preparatori ti fanno fare in quanto ritengo che non servano per la preparazione di maratona e ultra...per di piu' ti stressano il fisico con rischi ,spesso nascosti,a danno di tutto il fisico(anemie,carenze vitaminiche,recuperi piu' lenti).
Facendo invece,come dici tu,ripetute veloci vicino al R.M.con recuperi anch'essi vicini il fisico non si stressa in quanto e' gia' quasi in grado di sopportare tale ritmo e nello stesso tempo alleni la resistenza e la capacita' di bruciare la miscela grassi-carbo,che per un maratoneta e' importante.
Se noterai,questo genere di ripetute le ho sempre fatte sin dall'inizio della preparazione.

Andreadicorsa ha detto...

ho letto solo questo post quindi non so bene come ti alleni ma con un po' di calma andro' a leggermi anche gli altri, che sono sempre interessato ai metodi d'allenamento degli altri atleti
buona estate....
andrea

Anna LA MARATONETA ha detto...

...non a caso, dopo il mio periodo di ripetute con recupero da ferma, il ferro mi è calato a picco