..

Margherita Hack: "A quei medici che dicono che un bambino non può crescere senza carne, dico che io non ho MAI mangiato carne, perché quando sono nata i miei genitori erano già vegetariani. Eppure sono stata campione di salto in alto e lungo, e ora a 79 anni faccio 100 km in bicicletta, gioco a pallavolo e non ho mai avuto malattie serie". (Dichiarazione di Margherita Hack del febbraio 2001)

venerdì 5 dicembre 2008

Supertest Conconi 2

L'esperimento eseguito ieri ho scoperto che non si fa dopo 3 giorni di lavori,e' normale chel fisico sia in una condizione di affaticamento e quindi non esprima il suo valore reale.
Il supertest andrebbe eseguito nel modo seguente:
dopo la solita fase di riscaldamento, l’atleta eseguira' una prima volta il test Conconi.
Terminato il test correrà i primi 3-5 km. (il chilometraggio viene stabilito in base al livello dell’atleta e del suo grado di preparazione) ad una velocita' del 15% più lenta della sua velocità di soglia.
Un atleta in possesso di una velocita' di soglia di quindici chilometri orari, dovrà pertanto effettuare la prova ad un ritmo di 4’,45” al chilometro.
Terminata la prima prova verra' di nuovo eseguito il test facendo attenzione che non trascorra un lasso di tempo troppo lungo ( 1 –2 minuti) tra la corsa ed il test.
La corsa su strada va ripetuta altre due volte come pure il test Conconi alla fine di ogni prova.
Nel caso si manifestasse, già dalla seconda prova di corsa dei parametri peggiori, figuriamoci la terza prova, indicherebbe che siamo in presenza di un atleta poco resistente a, probabilmente anche poco allenato che ha bisogno di lavorare soprattutto sulle capacità di fondo. Egli, in pratica, brucia più del dovuto le sue riserve di glicogeno.
Un atleta ben allenato, al contrario, raggiungerà, nel corso dei quattro test Conconi, valori di livelli di soglia anaerobica pressappoco uguali.
Si potrà così affermare che l’atleta ha raggiunto, rispetto a quelle che sono le sue potenzialità del momento, una soddisfacente capacità aerobica e, di conseguenza, anche una buona resistenza specifica allo sforzo.
Ecco spiegato il motivo di chi esegue oltre al normale test conconi anche il supertest!
I valori ottenuti non servono ai fini di allenamento ma solo per stabilire se si ha una buona capacita' aerobica e resistenza aerobica.

2 commenti:

Alvin ha detto...

Anche se non commento vista la mia grande ignoranza in merito, sappi che ti seguo e ti tengo d'occhio... studiando per poter colmare l'immenso GAP tecnico che ci separa...

Stefano Grandi ha detto...

Ah,ah...Alvin,sei sempre matto!
Immenso GAP tecnico!!!!?????
Preferirei che dicessi infinito!
E non solo tecnico,pure atletico,ihih.
Comunque non mi ritengo di sapere la verita'dei segreti di come ci si allena meglio,di certo mi piace seguire qualcosa a cui credo ,almeno per quel momento che lo sto facendo,poi spesso scopro che quello fatto puo' essere migliorato e allora cambio metodica.Se questa mi da' dei risultati migliori ,la promuovo.Spesso ,nel corso di questa altalena,si fanno errori,l'importante e' capirli e andare avanti.
Per il momento,andare a naso,non mi da' stimoli per migliorare,l'ho gia' fatto per anni con la bicicletta e il risultato e' che tendevo a calare la permormace.